Sardine giramondo di Mauro Rutto

Ingredienti:

– 1 confezione di Sardine in olio di oliva Angelo Parodi

Per gli spiedini:

– 150gr di spinaci

– 2 tubicini di porro

– 2 stuzzichini in bambu

Per il riso:

– 80gr di Riso della Camargue Trio beige, rouge, noir

– 2 foglie di menta fresca

– 1 foglia di salvia fresca

– 1 pizzico di timo fresco

– 2 cucchiai d’olio

Per la salvia fritta:

– 10 foglie di salvia fresca

– 25gr di farina 00

– 25ml di birra fredda

– sale

– 2 foglie di prezzemolo

Per la tartina:

– 2 pezzi rettangolari di Pane Carasau Guttian alla cipolla

– 1 carota grossa

– 1/2 porro

– 2 spicchi d’aglio

– 1 cucchiaio d’olio

– 10gr di pinoli

Realizzazione

Per prima cosa partiamo dalla pastella per fare la salvia fritta: in una piccola ciotola disponiamo la farina, saliamo e versiamo la birra fredda ed amalgamiamo il tutto ed usiamo una frusta per aver un buon composto omogeneo. Lasciamo riposare per 30 minuti.

Laviamo tutte le verdure.

Prendiamo 2 pentole e le riempiamo di acqua e metteremo sul fuoco per poi portare a bollore. In una delle due mettiamo gli spinaci, dal momento del bollore attendiamo 10 minuti, scoliamo e cerchiamo di strizzare per far uscire l’acqua in eccesso. Prendiamo il porro circa 1/2 e tentiamo di prelevare la parte interna così da avere 2 cannelloni di porro. Con molta delicatezza riempiamo questi ultimi con gli spinaci. Una volta pronti, tagliamo dei piccoli cilindri ed infilziamo con gli spiedini di bambu.

Quando anche l’acqua della seconda pentola giunge a bollore mettiamo il riso che deve cuocere per 20 minuti, al termine della cottura scoliamo. Prendiamo una padella con 2 cucchiai d’olio, mettiamo il riso e facciamolo scottare per 2-3 minuti unitamente alle foglie di menta basilico e timo precedentemente tritate a coltello.

Peliamo la carota e servendosi di una grattugia multiuso cerchiamo di avere delle listarelle, prendiamo 1/2 porro e tagliamolo ad anelli finissimi ed infine sbucciamo i due spicchi d’aglio. In una pentola wook mettiamo un cucchiaio d’olio e l’aglio facciamo dorare, mettiamo le verdure e facciamo saltare per qualche minuto. In un padellino antiaderente facciamo dorare i pinoli.

I 30 minuti sono passati, quindi prendiamo la nostra pastella la mescoliamo con la frusta ed immergiamo singolarmente le foglie di salvia, immergiamo in olio bollente e con l’aiuto di una pinza giriamole e facciamole dorare ambo i lati, a cottura ultimata disponeteli su carta assorbente. Se vi avanza della pastella non buttatela, prendetela e fatela rovesciare sull’olio bollente formando dei dischetti, dato che un lato sta cuocendo l’altro rimane ancora crudo, quindi con molta attenzione disponete su ogni dischetto una foglia di prezzemolo, girate e quando saranno dorati adagiateli su carta assorbente.

Ora è giunto il momento di impiattare.

Disponiamo un rettangolo 10×18 di pane Carasau nel piatto, adagiamoci le verdre (carote e pinoli), 2 sardine e a pioggia i pinoli.

In un altro lato del piatto mettiamo il Trio di Riso, le foglie di salvia fritta e i dischetti e nella parte rimanente i due spiedini di porro con spinaci.

Guarnite con delle foglie di menta e timo. Un filo d’olio piccante (rigorosamente fatto in casa) ed il gioco è fatto.

Servite con una buona birra chiara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *