TARALLI ALLE ACCIUGHE

22 giugno 2016

taralli-alle-acciughe2-copy

I taralli sono una specialità tipica del sud Italia il cui impasto base è formato da pochi e semplici ingredienti: farina, olio e vino, senza l’aggiunta di lievito. Il segreto per farli venire belli gonfi, leggeri e fraibili è farli sbianchire in acqua bollente salata prima di infornarli.

Possono essere aromatizzati con pomodoro, origano, finocchietto…
Qui io ho scelto di aggiungere un cucchiaio di pasta di acciughe nell’impasto che gli conferisce un bel sapore rustico e deciso! Sono perfetti sia come snack spezzafame o anche come stuzzichini per un aperitivo. Oppure sbriciolatene un paio sulla vostro piatto di pasta e acciughe, vedrete che bontà!

 

Ingredienti per 25 taralli

  • 15 g di pasta di acciughe
  • 150 g di farina 0
  • 100 g di semola
  • 40 g di parmigiano
  • 80 ml di vino bianco
  • 50 g di olio extravergine di oliva
  • un cucchiaio di finocchietto

Preparazione

In una ciotola setacciate la farina con il parmigiano, il sale e il finocchietto, versate il vino e l’olio, unite la pasta di acciughe ed impastate fino a formare un impasto liscio e omogeneo. Formate una palla, avvolgete l’impasto nella pellicola trasparente e lasciatelo riposare in frigo per un’ora.

Trascorso questo tempo, ponete sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata. Modellate l’impasto in rotolini lunghi circa 14 cm (ø 1 cm). Chiudete le estremità di ogni rotolino per formare dei taralli. Tuffate i taralli così preparati nell’acqua bollente, 5 per volta, scolateli con una schiumarola non appena verranno a galla, e poneteli su un canovaccio ad asciugare. Preriscaldate il forno a 180° C.

Una volta lessati tutti i taralli, trasferiteli su una teglia ricoperta con carta forno ed infornateli per 30 minuti. Prima di sfornare verificare che i taralli siano cotti all’interno.

 

 

Pasta di acciughe ,

CLAFOUTIS CON FILETTI DI ACCIUGHE E CILIEGINE DI BUFALA

15 giugno 2016

clafoutis con alici e mozzarella

Il clafoutis sarebbe in origine un dolce francese a base di ciliegie coperto (in francese “clafir” significa “riempire”) da una pastella di panna, uova e zucchero e cotto al forno. Oggi è sempre più diffusa anche la versione salata di questa preparazione, che vede spesso protagoniste verdure e formaggi.

Qui ho realizzato il clafoutis prendendo spunto da un abbinamento eccellente quello di acciughe, mozzarella e pomodorini!


Ingredienti per 4 persone

  • un vasetto di filetti di acciughe Angelo Parodi
  • 3 uova
  • 200 ml di latte
  • 250 g di ciliegine di bufala
  • 100 g di pomodori ciliegini
  • un mazzetto di erbe aromatiche (basilico, prezzemolo, origano)
  • 80 g di farina di riso
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe

clafoutis alici e mozzarella 3

Preparazione

Sbattete in una ciotola le uova con le erbe aromatiche tritate. In un’altra ciotola stemperate la farina setacciata nel latte e nell’olio, aggiungendone un po’ per volta, mescolando sempre, per evitare che faccia grumi. Quindi unite le uova alla farina. La pastella dovrà risultare omogenea. Salate e pepate.
Ungete una pirofila (20×25), distribuite sul fondo le mozzarelline di bufala, i pomodori ciliegini interi. Dopo 15’ di cottura disponete sulla superficie le acciughe sulla superficie e infornate di nuovo per altri 20-25’. Sfornate e servite. E’ buono sia tiepido che freddo.

Acciughe ,

Torcetti di farro con pesto di rucola, sgombro e peperoni arrosto

9 giugno 2016

torcetti con sgombro

L’estate è in arrivo e con lei la voglia di ricette fresche, leggere e veloci! Per questo durante la bella stagione amo preparare il pesto. Non solo di basilico, ma con qualsiasi cosa mi suggerisca la fantasia. Adoro, per esempio, quello di rucola e mandorle. E’ buonissimo sulla pizza, sulle bruschette, ma soprattutto per condire la pasta. Qui l’ho abbinato con i peperoni arrostisti, un connubio estivo eccellente, a cui dona particolarità e gusto l’aggiunta dei filetti di sgombro e dei taralli sbriciolati.

Ingredienti per 4 persone

  • 320 g di torcetti al farro
  • 2 peperoni rossi
  • 2 taralli salati
  • 1 scatola di sgombro Angelo Parodi
  • rucola
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • Per il pesto
  • 100 g di rucola
  • 40 g di mandorle
  • 5 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 spicchio d’aglio
  • qualche goccia di limone
  • sale

Preparazione

Lavate, asciugate i peperoni e massaggiateli con un filo d’olio. Arrostiteli in forno per 15-20’ a 200°. Trasferiteli in un sacchetto di carta e lasciateli intiepidire. Eliminate la pelle, il picciolo e la parte con i semi, e dividete la polpa in falde. Mettete i peperoni in una ciotola e lasciateli insaporire con un filo d’olio e qualche foglia di rucola tritata. Salate prima dell’utilizzo.

Lavate e asciugate la rucola. Frullate per prima cosa l’aglio con le mandorle, poi aggiungete la rucola, il succo di limone e l’olio, a filo. Aggiustate di sale.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente e trasferitela in una ciotola, tenendo da parte un mestolo dell’acqua di cottura. Condite la pasta con il pesto aggiungete un po’ d’acqua per mantecare. Infine unite i peperoni arrostisti e i filetti di sgombro.

Servite, accompagnando le foglie di rucola fresca e i taralli sbriciolati.

Sgombro ,

WRAP CON VENTRESCA DI TONNO

2 giugno 2016

wrap con ventresca di tonno 3_lauragioia

Da un po’ di tempo in Italia è arrivata la moda dei wraps! Non sono altro che piadine o tortillas farcite e arrotolate: wrap in inglese significa, appunto, avvolgere. Si prestano ad “impacchettare” i ripieni più vari e sfiziosi e si adattano a pranzi e cene leggere e veloci.

Qui la piadina è preparata con farina di farro e farcita con ventresca di tonno, avocado e un’insalata di lattuga, pomodorini e cipollotti. Lega il tutto una morbida e aromatica salsa allo yogurt, lime e finocchietto selvatico.wrap con ventresca di tonno2_laura gioia

Ingredienti per 4 persone (8 wraps)

Per le piadine

  • 250 g di farina di farro
  • 50 g di farina 0
  • 150 g di acqua
  • 50 g di olio extravergine di oliva
  • un pizzico di bicarbonato
  • sale

Per la farcitura

  • 2 scatole di ventresca di tonno Angelo Parodi
  • 250 g di pomodorini
  • 250 g di lattuga
  • 2 cipollotti
  • 1 avocado maturo
  • 8 ravanelli
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe
  • Per la salsa allo yogurt
  • 300 g di yogurt intero naturale
  • 1 lime
  • 3 cucchiai di finocchietto tritato
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe

wrap con ventresca di tonno_lauragioia

Procedimento

Impastate le farine, l’olio, un pizzico di sale e il bicarbonato con l’acqua fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Coprite con della pellicola trasparente e lasciate riposare l’impasto per un’oretta.

Mondate e tagliate i pomodorini e l’avocado, a spicchi. Pulite l’insalata e tagliatela. Affettate i cipollotti e il ravanello. In una ciotola sistemate i pomodori, i ravanelli e i cipollotti e conditeli con olio, sale, pepe; lasciate insaporire.

Mescolate lo yogurt con l’olio, un pizzico di sale, una macinata di pepe, il finocchietto tritato e il succo del lime.

Dividete l’impasto in otto pallina di uguale grandezza (circa 60/70 g a pallina) e stendetela con il mattarello in dischi sottili. Cuoceteli in una padella antiaderente 2’ per lato.

Distribuite su ogni disco uno strato di salta allo yogurt, un po’ di insalata, i pomodori e i ravanelli, le fette di avocado e la ventresca di tonno. Ultimate con del finocchietto tritato e arrotolateli. Chiudete i wrap ottenuti con lo spago da cucina.

 

Ventresca di tonno ,

Baozi ripieni all’italiana

25 maggio 2016
baozi-parodi-6
I panini di grano tenero ripieni al vapore sono una tradizione diffusa in quasi tutta l’asia e prendono il nome a seconda del paese e del ripieno che contengono. Baozi in cina, nikuman in giappone, mandu in corea, questi panini sono semplici da fare in casa e rendono molto meglio di quelli comprati o surgelati che si possono trovare nei supermercati asiatici.

Qui ho creato un bao fusion, con un ripieno gustoso tipicamente italiano che crea un sughetto che intride bene la texture soffice e spugnosa del panino.

Baozi ripieni all’italiana

per la pasta:

300 grammi di farina 00

20 grammi di zucchero bianco

1 cucchiaino di polvere lievitante (baking powder – non vanigliata)
1 cucchaino di lievito istantaneo per pane e pizza
1 cucchiaio di olio di semi di girasole
mezzo cucchiaino di sale
170 ml circa di acqua tiepida
alcune foglie di verza intere oppure quadrati di carta forno da 10 cm di lato
per il ripieno:
1 scatola di tonno Angelo Parodi
1 peperone giallo
1 peperone rosso
1 manciata di capperi dissalati (circa 20)
qualche foglia di basilico
pepe nero

1 cucchiaino di fecola di patate

Realizzazione
Preparare la pasta setacciando la farina con la polvere lievitante, aggiungere il lievito istantaneo, lo zucchero, il sale e l’olio. Versare l’acqua a filo mentre con un cucchiaio o con le bacchette da cucina si mescola per creare delle briciole di impasto. Continuare a versare l’acqua con cautela, potrebbe non essere necessaria tutta l’acqua indicata. Continuare a mescolare fino a ottenere dei grossi aggomerati di farina e cominciare a impastare la massa con le mani, stirando l’impasto e ripiegandolo su se’ stesso fino a formare una palla soda che non appiccica.
Coprire con pellicola e lasciar riposare un’ora.
baozi-parodi-1
Nel frattempo preparare il ripieno:
abbrustolire i peperoni in forno o su una griglia per circa 15 minuti, spellarli e tagliarli a metà. Utilizzare solo metà peperone giallo e metà rosso per il ripieno, tagliarli a cubetti. Dissalare i capperi in abbondante acqua fredda, strizzarli e sminuzzarli grossolanamente insieme alle foglie di basilico. Unire tutto in una ciotola insieme al tonno sgocciolato e separato con i rebbi di una forchetta, unire una spolverata di pepe e amalgamare con la fecola. Ricavare 10 palline di ripieno e mettere a riposare in frigo su una placca.
baozi-parodi-2
Sgonfiare l’impasto e ricavare due filoni di impasto da cui tagliare 5 pezzi di uguale misura per filone: lavorare questi 10 pezzi  totale per ottenere palline della dimensione di un’albicocca.
Coprire con la pellicola e lasciar riposare mezzora.
baozi-parodi-3
Appiattire ogni pallina e ricavare un disco della grandezza di una mano con l’aiuto di un mattarello avendo cura di mantenere i bordi più sottili del centro.

Posizionare una pallina di ripieno su ogni disco e chiudere pizzicando il bordo in tondo per ottenere un fagottino come in fotografia.

baozi-parodi-4
Se si utilizzano i cestelli di bambú per la cottura a vapore immergerli in acqua fredda per qualche minuto.
Appoggiare le foglie di verza o la carta forno sui cestelli o sull’apposito attrezzo per la cottura a vapore (o nella vaporiera). Appoggiare ogni panino sulla verza un po’ distanziato dagli altri (circa 2,5 cm) e lasciar lievitare per 15-20 minuti.
baozi-parodi-5
Portare a ebollizione un tegame della dimensione dei cestelli o un wok riempito con 3 cm di acqua e appoggiarci i cestelli o la vaporiera. Cuocere a vapore a fiamma bassa per 15-18 minuti a seconda della grandezza dei panini.
Servire tiepidi.
baozi-parodi-8

Tonno ,